Bussa, bussa, bussa

Anche oggi i corpi dei martiri di spirito,

così straziati,

eppur così luminosi,

esposti come il Santissimo,

cantano gioia, libertà e verità.

Essi sono il corpo di Cristo glorioso.

Sono il sangue di Cristo glorioso.

Sono l’anima di Cristo glorioso.

Sono la divinità di Cristo glorioso.

Offri a Cristo il tuo dolore e rendi sacra la tua vita.

Lancia il tuo cuore a un’altezza infinita d’amore.

“Se nella notte tu non sai dove andare,

alla finestra c’è un lume acceso:

bussa, bussa, bussa, e io scenderò ad aprirti,

né ti chiederò se sei cattolico o no”.

(dal Giornale dell’anima di papa Giovanni XXIII). Dipax

Rispondi