Dio, a casa tua

Dio, a casa tua

Io sono Gesù! La nostra famiglia è di Nazareth. Mio padre è un falegname. Mia madre è casalinga. Vi prego, vengo nelle vostre famiglie. Non vogliamo stare a un angolo della casa. No, non c’è bisogno di lusso. La mia famiglia è qui con voi, con la vostra famiglia.

Ora conosciamoci un po’.

Io mi chiamo Giuseppe, come già mi sono presentato. Io pensavo al mio matrimonio, la casa, i figli…Desideravo una vita tranquilla, familiare come tutte le altre. Invece no. Chiamandomi a essere il padre di Gesù, mi ha reso la vita straordinaria. Proprio quando tutto sembrava pronto per il matrimonio con Maria ho scoperto che era incinta. Stavo per mandarla via, anche se l’amavo. Anch’io ho affidato la risposta di Dio al sogno. Tu sai che i sogni di Dio sono realtà! Non sono pensieri, gli angeli. Un angelo di Dio mi ha detto:”Giuseppe fidati di Dio, il figlio che Maria aspetta è un suo dono”. Ella ha concepito di spirito, non solo di carne. Ecco, questa è la nostra famiglia, No, non viene dal cielo soltanto. Non è lontana dalla tua famiglia. Anche la tua, per quanto assurda, è una famiglia che Dio ha ideato, amato e creato. Dio, in noi, vuole visitarvi.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi