Dio perdona sempre

XXIV Domenica del tempo ordinario

Dio perdona sempre

Aiuta Dipingi la pace con il C/C postale 10298909

oppure IBAN IT 02 P076 0104 6000 0001 0298 909.

Grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando. P. Paolo

Pietro come ogni uomo

si ribella alla correzione

mai ascoltata e mai praticata.

Allora provoca Gesù

con una domanda impertinente

Eccola: Io perdono fino a sette volte

e basta.

Per gli ebrei il limite della perfezione

era il tre, la massima perfezione.

Pietro esagera fino a sette volte,

distrugge persino il codice ebraico.

Cristo va oltre il pensare umano.
Dio perdona sempre.

Non è un calcolo il perdono,

Cristo propone l’assurdo,

fino a settanta volte sette,

cioè sempre.

No, non è una matematica il perdono.

L’essenza di Dio è amare sempre,

non c’è posto per il rancore.

Non c’è posto per dimenticare.

Egli ama sempre

e perdona sempre.

Dio però sa ben correggere

e ce lo dimostra con questa parabola.

Il regno dei cieli è simile

a un re che volle regolare i conti

con i suoi servi.

Gli fu presentato un tale

che gli doveva diecimila talenti.

Una cifra enorme,

miliardi di euro.

Quel re, che è Dio stesso,

gli condona tutto,

perché condivide

la miseria di quell’uomo.

Ebbe compassione,

si fa carico del suo dolore,

della sua famiglia

e gli condona tutto.

Lo stesso però non fu capace

di condonare una miseria di cento denari.

Quello lo strozzò fino a mandarlo in carcere.

Il re, i re sanno tutto,

intervenne,

dopo che i suoi compagni

furono addolorati

e dispiaciuti per l’acredine di quel servo.

Nella nostra coscienza Dio interviene.

Dio non è stanco di perdonare,

non scende in mezzo a noi

a ritirare il suo amore

da un peccatore,

anche incallito.

Oh! poveri noi,se dovesse Dio scendere

a ritirare il suo amore!

Saremmo tutti morti e sterili di coscienza.

Dio sa che la giusta punizione

ci servirà per rammentarci.

Non devi aver pietà

del tuo compagno di vita

che continuamente sbaglia,

quando tu stesso

hai una trave nei tuoi occhi

e vedi una pagliuzza

nell’occhio del tuo amico?

Non abiti mai nel tuo cuore

il rancore che ti avvelena l’anima.

Non ti portare dentro

la vendetta che ti massacra i nervi.

Tu che hai in collera il tuo amico,

come puoi chiedere la guarigione al Signore?

Non essere carne

dinanzi alla miseria del tuo prossimo.

Io vivo per Cristo.

In Lui non conosco la morte.

In Lui conosco solo il perdono.

Sono felice di aver tutto perdonato,

quelli soprattutto che hanno messo in atto

tutta la macchina del fango.

Ora vivo beato.

Sia che vivo,

sia che muoio,

sono del Signore.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi