Grazie don Mimmo, grazie don Gaetano e Salvatore

Osservo bene le mie lacrime.

Nelle tempeste le pecore si abbeverano, le mandrie riposano beate su coltri di erba verdeggiante. I sentieri serpeggiano siepi di pitosforo, roseti profumati, cascate di gelsomini, prati di tulipani, cespugli di rosmarino e orti di salvia e di menta; viali di tigli e magnolie, corridoi di lavande, masserie di grano, cantine di mosto, caseari di formaggi e di ricotte, dolciarie di mandorle e di pistacchio, forni di pane, fragranze di cibi e bevande inebrianti di vita.

Osservo bene, le tempeste non sono diluvi a morire, ma energia a sanare e a nascere di nuovo”.

Impara, amico, dalle lacrime tumultuose del tuo soffrire, possono, grazie a te, nascere le grazie più belle della tua e della nostra esistenza. Dipax

Sali al Borgo della pace. Contatta la natura incontaminata.

Chiedi a: 339 2187764, 333 5058401, 338 9205781. Dipax

Rispondi