Ho preso in giro

Camminiamo in mezzo alla gente, come in un labirinto di muro di parole. Non riesco a dormire a causa delle cattiverie che imperano sulle spalle di chi è accasciato di povertà. Mi aggrediscono con gli imbrogli, ma io sto attento, perché il cuore non mi scoppia dentro. Sto attento e non fingo di vivere la vita. Sto attento che lo spirito non muoia. Sto attento che la vita finisca presto, senza che io me ne accorga. Meglio andare con il cuore in mano, quale lampada ardente di fede. Meglio sapere che andare alla mosca cieca. Anche le mie pupille sono divenute ali di procedere oltre. Io non esco dalla gioia del risorto. I miei giorni non pensano al passato, ma al tempo di amare ancora. Io sono fatto di volontà e nessuno è capace di stroncare il volere. La chiarezza è la sorgente che porta alla verità. Ho preso mille volte in giro la cattiveria di magistrati corrotti e infine essa è morta con una bufera di risate. Chi sorride dentro, vive per sempre.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi