I preconcetti

Tutti noi lapidiamo amici e nemici con sguardi di giudizi, sfiorandoli con il sospetto.

Urge ricacciare il male nei suoi confini. Non possiamo tirarci dietro il mondo a strascico a causa dei nostri preconcetti.

Un signore mattiniero del bar, beveva il caffè masticando giudizi su preti, politici, pescatori e quand’altri. Un giorno un passante, mentre quello bestemmiava ancora giudizi, gli si avvicinò e gli chiese: “ Come parli bene e giudichi tutti, ma non ti accorgi che qui ognuno ti evita? Forse sarebbe bene che tu rivedesti un po’ te stesso”. Quello arrabbiatosi, versò addosso a una signora il suo caffè, perdendo il fascino del suo dire e il poco del suo pensare. Mortificato da quel giorno non si vide più al bar.

Ascolta amico, la vanagloria spesso acceca e fa commettere tante sciocchezze da perdere se stessi. Dipax

Rispondi