Il male è un boomerang

Una bufera di vento tormenta la notte. Non mi lasciano in pace sibili e lamenti.

Le palme, alla luna, ondeggiano riflessi oscuri di luci.

La fede è il fidanzamento con Dio, che ci porta allo sposalizio con il suo amore.

Le lacrime non sono più il mio pane.

La gente non scuote più il capo, né storce più le labbra.

Non si agita più dentro di me l’Anima mia.

Dio non  mi ha dimenticato, mi ha coperto con le sue ali

a rifugiarmi di sicurezza.

Molti che, per avidità gettano gli occhi sugli altri per distruggerli,

non si accorgono di essere privati dei propri vantaggi

e della loro stessa innocenza.

Se tu vuoi fare un torto, neppure una giusta difesa

ha effetto con coloro per i quali il proposito è quello di fare il male.

 

Il male tuttavia è solo un dannoso boomerang

che ritorna d’impeto su chi l’ha gettato. Dipax.

 

 

Rispondi