L’arcobaleno

Un giovane ammirando l’orizzonte, commentava come ascendeva dalla valle un arcobaleno.

“Da dove nascono quei colori così splendenti?” – chiese l’allievo al suo professore.

“Dall’atelier dell’amore” – rispose l’insegnante con voce non sprovveduta.

“Laggiù, – poi continuò – si annida un uccello che tutti chiamano: “Arcobaleno”, perché è capace con le sue piume di colorare il cielo di speranza, dopo ogni tempesta e l’animo di conforto, dopo ogni sconfitta”.

Lo studente meravigliato esclamò: “Anche dal cuore desolato d’amore?!” .

“Certo, asserì – il docente e il giovane gioioso volò nell’arcobaleno a consolare la sua donna lontana dall’animo afflitto e amareggiato.

Sappi, amico, che il cuore è il paese più desolato, dove puoi fare risplendere bellezze, grazie e meraviglie.  Dipax

Prenota con la tua famiglia l’E-state con Dio, al Borgo della pace, per festeggiare la Festa della Mamma, domenica 14 maggio.

Contatta 339 2187764, 333 5058401, 3389205781. Dipax

Rispondi