LE CHIAVI DEL REGNO

XXI Domenica del tempo ordinario

Aiuta Dipingi la pace con il C/C postale 10298909

oppure IBAN IT 02 P076 0104 6000 0001 0298 909.

Grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando. P. Paolo

La Parola è la chiave del regno.

Dinanzi all’infinito

vuoto è il cielo,

se pur amo di carne.

Dinanzi all’infinito

vuota è la mente,

se pur penso di tempo.

La Parola mi lievita la croce.

Sono impastato con il lievito di Dio.

La croce è vuota senza la Parola.

La Parola rende la croce resurrezione.

Amici, il cielo non ha porte e né chiavi.

Amici, il regno di Dio è senza confini.

L’umiltà di Cristo più profonda

è affidare il regno di Dio

agli uomini.

Chi riceve lo Spirito santo

entra nel regno di Dio.

Non ci sono chiavi, né poteri

per conquistare il paradiso,

ma solo l’umiltà di ricevere

lo Spirito santo che ci spalanca

il paradiso dentro di noi.

No, non ci sono chiavi di potere temporale.

Come Pietro agli ebrei,

diamo anche noi oggi ai piccoli di Dio

di comprendere la Parola

e dare l’opportunità di accogliere

l’eden di Dio nella vita.

La prima chiave dunque

è l’annuncio.

Come Pietro ai samaritani,

prega perché anch’essi

possano capire

e convertirsi al regno di Dio.

L’altra chiave dunque

è la preghiera.

Come Pietro ai Gentili

predicò il Cristo risorto,

L’altra chiave dunque

è il coraggio di predicare,

forza che permette

di ricevere lo Spirito santo.

Cristo dà a Pietro l’impegno,

a cui noi stessi partecipiamo,

di annunciare, predicare, pregare

e donare la propria vita per il regno.

Come vedete la chiave è la Parola,

la predicazione,

la preghiera,

e il martirio quotidiano della nostra vita

per il vangelo.

Non ci sono chiavi d’oro

per il potere spirituale.

Non ci sono chiavi d’argento

per il potere temporale.

Abbiamo chiuso il regno di Dio

con le nostre chiavi di superbia

e di potere.

Chiavi di scrigno di denaro,

chiavi di scrigno di possesso

di coscienze.

Apriamo lo spirito

alla comprensione della Parola

e solo così

lo Spirito santo ci effonderà

i suoi doni.

Quante idee errate sulle chiavi del regno:

1- Non è Pietro ad aprire il regno, ma Cristo.

2 – Non è Pietro a decidere

il tempo e il modo di aprire

il regno dei cieli,

ma Cristo a sciogliere ogni male

e a donare la libertà dei figli di Dio.

La chiave della Parola

apre la nostra coscienza

e lo spazio infinito di Dio

ci sazia di pace.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi