L’innocenza

                                     Sono il tuo enfant prodige.

Tu mi abbandoni,

ma l’anima non lascerà mai il corpo.

Le intuizioni mi creano panorami

e paesaggi del cielo, della terra e del mare.

La terra contiene l’universo

in un chicco di grano.

Il Borgo della pace, per ora,

non è vissuto, fa freddo,

ci abitano due frati, il silenzio e la pace.

Nella sua vallata di cielo

gli uccelli lodano il Creatore

con le loro ali a cinguettio.

Il volo è una preghiera,

arriva lontano,

laddove asciuga le lacrime.

Il peccato ci rende morti di fede e di grazia.

Il peccato è la mente,

la violenza è la mano.

Il tuo cuore è il mio cielo

e nella foresta dei giusti

abita la mia coscienza.

Curiamo il cancro con l’anima,

lo spirito irradia più di una chemioterapia.

Tu inizi sempre dall’infanzia

a maturare l’uomo.

Dentro ci resta solo l’innocenza. Dipax

Rispondi