Mi nutro di Dio

Mi nutro di Dio

Mi nutro di Cristo e infine vivo con Cristo. Sia che zappo, sia che coltivo, sia che leggo, qualsiasi cosa io faccia, lo faccio per Cristo. Scrivo nel cuore tutto ciò che Lui mi annuncia. Emarginiamo la morte e non i lebbrosi, emarginiamo il peccato e non il peccatore. C’è tanto da purificare: la mente, il cuore e l’animo. C’è tanto da purificare: le leggi, le istituzioni, la famiglia, la scuola e la chiesa. Appaiono sul nostro volto macchie di amarezza: la lebbra della tristezza. Sul volto dei giovani impera l’estasi della cocaina, l’estasi del non senso della vita. E’ palese il male e non ci sono medicine per eliminare il cancro del peccato, se non l’amore, la pazienza e l’attesa dei giovani che sorridono.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi