Ridere a crepa pelle

Ridere a crepa pelle

Aiuta Dipingi la pace con il C/C postale 10298909

oppure IBAN IT 02 P076 0104 6000 0001 0298 909.

Grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando. P. Paolo

Non siamo mai normali.

E’ sconfinata la nostra identità.

Le mie parole sono note

che si odono soltanto nel silenzio.

Non mi sono mai visto ridere

come stasera,

ascoltando certi politici,

piegato in due a morire a crepa pelle.

Sotto questo solleone

ho una grande sete di giustizia,

una grande sete di verità.

Venite a me, comprate senza denaro,

senza pagare, vino e latte.

Non spendo denaro per il lusso

che non sazia.

Il mio guadagno

è per il sostegno degli ultimi.

Io sono quella piume

che un angelo ha lasciato a terra,

volerò solo al suo ritorno.

Apri il tuo cuore

e saziaci di amore.

Non mi separerò da Cristo.

Mi ritorna in mente un canto

sotto il salice piangente.

Le mie ossa sono divenute

oboe, flauti e cornamuse.

La persecuzione mi ha reso

un violino dalle musiche

di Morricone.

La tribolazione mi ha ideato

favole di Luis Sepùlvera.

La nudità mi ha reso

Cristo spasimante

di Van Dick.

Non vivo di solo pane.

Il mio spirito si nutre di Cristo.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi