Scende dal cielo la verità

 La luce scende dall’alto (opera di p. Paolo)

Basta a sopravvivere

con gli scarti dei ricchi!

Ringrazio la luce

che mi fiuta all’istante

le mondezze delle malignità

e mi penetra il petto di lealtà

a concepire progetti di pace

per il mondo oppresso di denaro.

Nel mio camino scoppietta la brace

a sinfonie di concerti.

Il braciere in casa

mi catapulta fiamme

di calore e di magie.

Non mi manca,

in questa piazza di silenzio,

il cartoccio di caldarroste

per stropicciarmi le mani

a calore di serenità.

La perfidia è sempre una brutta stagione,

rigida, fredda e chiusa come l’inverno.

La cattiveria

oscura più della notte. Dipax

( per continuare a leggere, vai sulle “Lettere dal Borgo della pace, qui sul sito,accanto)

 

Rispondi