Scriba del vangelo

Una tempesta qualunque finisce laddove inizia la speranza.

La logica del denaro ti sviscera dentro un labirinto di pietra e di carne.

Il solo modo di vivere, senza sparire, è perdere la carta di credito, il cellulare e ogni mezzo di internet.

Fuggire dal mondo è liberarsi dalla zavorra che ti deprime. Nessuno ti può trovare custodito nell’anima. Le lacrime sono gli occhiali per contemplare la grazia di essere.

Lo spirito è potenzialmente vagabondo. Io non so davvero quali sono le mie origini, dato che vivo interamente nel paradiso dello spirito.

Per questo mi definiscono un sognatore, invece altro non sono che uno scrittore del vangelo.

L’inquietudine è un pane che mi nutre d’infinito, per questo non mi abbandono alle miserie umane del denaro o del successo.

A me sembra, dato i tanti crimini del mondo, che la scimmia discenda dall’uomo.

Non hai nessun controllo sul futuro, se non ti affidi totalmente a Cristo.

Carpe diem è vecchio come il mondo e io nel mondo non vivrò per sempre.

Lo spirito ti dà il giusto equilibrio del tuo vivere.

Un sogno è una verità scritta e composta per essere più vero.

Io vivo nel palazzo reale della carità e nessuno bussa alla mia porta,

perché la mia casa è senza porte e confini. Dipax

Rispondi