Servire non è potere

Eric, sostegno per padre Paolo

E’ buio il tuo cuore,

si nutre di luce malata.

Il mio corpo è talmente trasparente

da riflettere ogni mia pur piccola intuizione.

Negli occhi dei santi riflette il cielo

e dalle loro mani fluiscono grazie.

Ho sposato la sapienza

e ho generato figli

più forti di me.

Ecco il più piccolo

si chiama Pazienza.

Quello della mia prima giovinezza

è Fuoco ancora ardente d’amore.

Non diniego il Coraggio,

figlio della mia maturità.

Ho generato la Libertà di pensiero,

che è figlia d’Arte

che mi fa patire

sempre più Giovane.

Ancora oggi mi accorgo

di avere  figli

mai saputi e conosciuti.

Sono i figli che nascono

a generazioni nel futuro.

Nella casa del mio firmamento

essi mi parlano e mi amano

 come stelle luminose nel cielo. Dipax

Rispondi