Tu non c’eri

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Il suo cuore spasimava di amore per te.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù.

I martiri di ogni guerra, di ogni campo di concentramento, di ogni strage e di ogni delitto furono incoronati dallo sguardo di Gesù. I suoi occhi una palma di gloria.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Dalle sue vene scorrevano fiumi di salvezza a rendere di sapore di pace tutta l’umanità.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Dal suo costato si aprì la strada della vera libertà.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù.

Dal suo petto squarciato alitavano dolorosi sospiri di redenzione

per miriadi di drogati, per donne di strada, per efferati delinquenti e un’occasione di salvezza anche per dittatori marci di potere.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Il cielo squarciato splendeva e gli angeli scendevano ad accogliere profeti e innocenti massacrati da violenti tiranni dei secoli.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Tutto è compiuto, Padre! Affido tutta la nuova creazione a te.

Anche il Padre, sceso in terra, sosteneva con le sue mani possenti le croci dei martiri di ogni fede.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù.

Dal suo alito languiva a morire per sempre la morte e il deserto della nostra anima fu liberato da ogni peccato. In ogni persona fiorì la grazia del paradiso dello spirito.

Tu non c’eri sotto la croce di Gesù!

Ai suoi piedi io ho pianto di conversione: “Sono qui ai tuoi piedi, voglio amare te”.

Persino i detenuti nell’adorazione si commossero.

Mi ha perdonato, mi ha amato e fortemente mi ha abbracciato, tu, Padre della pazienza!

Cristo è risorto dentro la croce del mio dolore.

Anche a me sembrava di sognare, uscendo da quelle oscure tenebre.

Allora dentro di me fiorì la pace. Dipax

Rispondi