Un carabiniere e un poliziotto

Santo subito…qui. di Salvatore Ruggiano. Nuovo libro dell’editoria della solidarietà. Euro 7,00.

Un carabiniere e un poliziotto discutevano di resistenza, forza e sicurezza.

Il primo disse all’altro: “La nostra arma vanta secoli d’impegni, lealtà di intere generazioni.

Nella vostra c’è di tutto. Voi entrate nell’arma senza meriti e qualifica di famiglia”.

Il poliziotto a queste critiche non rispondeva.

L’altro continuava: “Da voi si accede senza selezione. Non si comprende chi è il ladro e chi è il poliziotto”.

Un giorno in paese si levò una violenta sommossa. Il poliziotto si confondeva tra i ladri, tanto che quel carabiniere prese il suo amico poliziotto che per quanto scosso ne uscì senza difficoltà dicendogli: “ Caro amico carabiniere, non occorrono corsi per capire chi è ladro e chi è poliziotto, come quest’oggi hai fatto tu! A volte bisogna essere ladri per catturare i veri ladri”.

Amico, contendere con il potere non serve proprio a nulla. Chi si oppone alle circostanze e alle persone potenti rischia di essere ladro pur essendo poliziotto. Dipax

Rispondi