Un sorriso soltanto( a Giorgio Fenara).

La luna di Giorgione di Bologna

Basta un sorriso per fermare una tempesta.

Non vivere chiuso in casa.

Fuori, un sorriso di cielo ti aspetta a riscaldarti.

La casa purtroppo è la tomba dei viventi.

Chi ha una casa, non ha piedi

e non può andare dove vuole.

Chi cammina è il misero della terra,

che conosce ogni cosa: usi, costumi,

volti e lingue di ogni terra e di ogni tempo.

Oggi la mia casa è il mio pensare,

domani l’orizzonte è ciò che ho intuito.

Nel camminare, bisogna fare attenzione ad alcune paure

che ti sembrano provenienti dall’alto.

Il cielo non produce ombre.

Io sogno una mare cristallino di virtù,

imparagonabile a ogni artista che affresca il cuore.

Un sorriso soltanto e dipingi l’infinito. Dipax

 

 

 

Rispondi