Vestito di notte

( dedicato a mons. Hèlder Càmara- Verso Olinda – Recife).

mi pervade un brivido di niente,

un brivido di incertezze,

un brivido di fallimento

e il tutto a superare con forza d’animo.

”Io non pensavo allora

che occorresse soffrire molto

per arrivare alla santità”. (Storia di un’anima – Teresa di Liseux).

Non sorridi più?

Come potresti sorridere nel dolore?

Nella tua carne c’è tutta la passione di Cristo.

Anch’io mi unisco ai suoi spasimi,

alla sua croce,

 con i miei atroci dolore.

Li offro per la mia conversione,

per i sacerdoti sofferenti

e per coloro che cercano Dio nel loro ignoto.

Ognuno è quell’ignoto che si apre

all’infinito amore divino.

Tu vescovo con la carne del povero. Dipax

Rispondi