Io credo al Tuo Corpo Glorioso

100

Mi stai perforando il corpo e lo spirito

di dolori atroci di luci.

Un istante di dolori dello spirito

è più di un anno luce.

Sento un’atroce impossibilità

ad annunciare la tua Parola.

O Cristo, è difficile oggi vivere

davvero la tua mentalità di risorto.

Noi crediamo ancora alle reliquie.

Le nostre chiese sono fondate

sui santi e sui martiri in te risorti

ma non sulle loro ossa.

Chi di noi vuole visitare i sepolcri,

come hai fatto tu per Lazzaro?

Per te quella visita

è stato un grido di pianto al tuo amico:

“Lazzaro esci e risorgi “per sempre!”.

Dipax. ( per continuare a leggere vai sulle “Lettere dal Borgo della pace”, qui sullo stesso sito, accanto)

Rispondi