La chiesa che soffre la fede

Vivo con molta sofferenza la fede e le beatitudini di Cristo.

Il vangelo non vissuto è un catalogo di archivio,

da dove attingere soltanto omelie.

Il povero è il Vangelo da vivere.

Ritorniamo allo Spirito santo.

Sia il centro delle nostre aspirazioni apostoliche.

Sia la centrifuga del nostro operare cristiano.

Tuffiamoci nella santissima Trinità,

è il pozzo infinito della sapienza intrisa d’amore

e di immensa umiltà.

Non avere paura del divino che è in te.

Strappa il sigillo della fede sul tuo cuore

e respirerai effusione di Trinità.

La Trinità del Padre, del Figlio e dello Spirito santo

si vive, non si ragiona.

Il crogiolo del dolore non ti spiega la sofferenza,

ti purifica soltanto a splendere divino. Dipax

Rispondi