Nella valle delle ninfee

Nella valle delle ninfee

Aiuta Dipingi la pace con il C/C postale 10298909

oppure IBAN IT 02 P076 0104 6000 0001 0298 909.

Grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando. P. Paolo

Le mie pecore brulicano nei campi delle ninfee.

La fatica suda la notte a splendere le stelle.

Ogni sudore è una fatica d’amore.

Stiamo ritornando, senza accorgerne,

ai campi di Auschwitz.

Il razzismo è il veleno del sangue.

La nostra società abbisogna

di una flebo di onestà.

Sono pronto a una trasfusione di sangue innocente.

Fa bene la correzione,

quando è salutare.

La notte non oscurerà mai un giorno.

I martiri sono nel mio sangue.

Non avrò paura del martirio;

quello dello spirito è più atroce.

Seduto su un tronco di una quercia

medito il creato

a nutrimento dell’anima.

Ho sposato la natura

e il mio corpo è uno scrigno di bellezze.

Svettano nelle mie mani gardenie,

aloe e stelle alpine

non più in estinzione.

Gli aironi sfrecciano altezze

e le poiane si annidano

nelle fessure delle rocce.

Basta una fessura di luce

a squarciare

la tua stanza buia.

Il silenzio diventa lode

al creatore che mi stupisce

in grazie e creature di continuo.

Io disconosco il cielo,

non cadrà mai

sulla nostra testa.

Dov’è il tetto del mondo?

Chi mi proteggerà

quando il tempo finirà

il suo percorso?

Non finisce mica la luce

e il cielo sarà sempre più blu,

perché il respiro non conosce la morte!

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi