Quegli occhi

Quegli occhi nelle tele di Caravaggio mi inquietano

e dentro i loro colori carnosi scopro e riconosco drammi e misteri.

Nel sapere siamo corpi a candele che si consumano di luce.

Mi diverto a infrangere gli ordini dei dittatori

e se qualcuno non è d’accordo con me, venga a infrangere

le mie intuizioni non raggiungibili.

Smetterò di scrivere dal momento

in cui mi accorgessi di essere passato di cervello.

Dio non ti abbandona anche quando tu l’abbandoni.

Prepariamoci alla metamorfosi:

da bruchi di terra a farfalle di cielo,

da peccatori di denaro a uomini liberi di santità.

Prepariamoci allo Spirito santo, alle tre dimensioni:

riguardo al peccato, non riconoscere Cristo, figlio di Dio;

riguardo alla giustizia, Cristo è capace di fare tutto nuovo,

convertire persino i più incalliti peccatori

e far giusto ogni cosa;

riguardo al giudizio,

perché è sconfitto per sempre il diavolo e ogni tenebra del mondo.

Dipax

Rispondi