Un prete e un sacrestano

Dott. Nicola La Bianca, capo amministrazione del sindaco Orlando per il treno della pace Palermo – Italia., Papa Giovanni Paolo II

Un prete vide il suo sacrestano all’altare dell’Immacolata, spolverava a dovere statue, nicchie e lampadari.

Stando nella navate centrale il parroco lo rimproverava di sollevare polvere sulla tovaglia su cui celebrava messa.

Il sacrestano gli fece notare che l’altare laterale non era quello centrale su cui il prevosto celebrava.

Il prelato del tutto irritato allora gli chiese: “ Ma tu non sei quello che alcuni anni fa hai insultato il mio predecessore?”.

Quello a spiegargli che non aveva mai conosciuto il suo predecessore, anzi che era stato assunto dalla sua benevolenza”.

“Bene, concluse il prelato, se tu sei così abile a trovare delle scuse, io non posso rinunciare a licenziarti”.

Amico, i prepotenti quando hanno in mente di decidere una cosa, inventano pretesti per ottenerla

e non è possibile far desistere con argomenti veri e giusti. Dipax

Rispondi