Una lacrima distrugge la guerra

Una lacrima distrugge la guerra

Sono il Piccolo della pace. Quanto vorrei che mi fosse accanto Charles De Foucauld! Quanto vorrei che mi accompagnasse, nell’educare i poveri a essere voce, don Lorenzo Milani! Sono felice e già ho nostalgia del dolore. Mi è svanito con l’ultima mia lacrima. Nelle lacrime svaniscono i dolori. Ho dato un calcio a una stella che si è frantumata di terra. Ti regalo la gioia germogliata dalla sorgente della speranza. Vuoi sapere quanto vale una banca? Meno di un granello di sabbia. Vuoi sapere quanto dura un dittatore, meno di un secondo. Vuoi sapere quanto splende la bellezza truccata? Meno di un sorriso di un bimbo. Ho un tesoro nella mia stanza. Nessuno lo può rubare. E’ l’eucaristia che mi palpita in cuore, a spirito di tabernacolo. Apri il tuo cuore, voglio custodire il pane di vita eterna nel ciborio del tuo spirito. Se tu fossi una lampada ardente, il mondo assieme a tanti, come te, incendieremmo il mondo di pace.

Paolo Turturro

www.dipigilapace.it

Rispondi