Vieni, dolce ospite dell’anima

Vieni, dolce ospite dell’anima

Scendi Spirito nelle onde corte e medie di ogni mente umana per connetterci nel bene l’uno con l’altro. Scendi Spirito nel dire di ogni sacerdote a effondere la gioia arcana delle tue carezze di perdono. Scendi Spirito e danzerò la vita della tua gioia. Scendi Spirito a fare nuove tutte le cose. Scendi Spirito, il mio canto libero sei tu. Scendi Spirito, solo tu unisci tutti i cuori della terra in una nuova umanità di pace. Veni, sancte spiritus a riscaldare i cuori freddi per tante guerre. Veni, sancte spiritus, stupore del cuore a palpitare nell’incontro con il tuo stesso fiato. Scendi su di noi a ricordarci la nostra dimora. Manda giù dal cielo un raggio della tua luce. Vieni, padre dei poveri, ad arricchirci dei tuoi santi doni. Vieni consolatore degli afflitti, tu dolce ospite dell’anima. Nel pianto dolce conforto, nell’arsura sorgente rinfrescante di battesimo. Nella fatica, riposo. Nella stanchezza della vita senza senso, sii fonte di pienezza. Invadi l’animo di ogni viandante a camminare spedito sulle strade del coraggio. Senza la tua presenza, vuoto è persino l’universo. Senza la tua forza, smidollati siamo persino noi sacerdoti. Senza la tua luce, oscura è la nostra mente. Senza la tua forza, cadiamo avviliti nelle nostre colpe. Lava la nostra mente dal sospetto che ci divide di egoismi. Bagna di lacrime il nostro spirito, perché non si è deboli nelle emozioni. Sana la mente dal cancro dell’odio. Piega la nostra superbia, a cadere dal cavallo del nostro collo teso e impettito. Scalda la chiesa a liberarsi dal denaro che ci piomba nei compromessi del potere corrotto. Raddrizza la via della giustizia nel cuore di ogni persona.

Paolo Turturro

www.dipingilapace.it

Rispondi