Alleluia

Alleluia – Dedicato a padre Mario Ciman fondatore degli Universitari Costruttori. Alleluia. Correte, i flauti v’indicano la strada delle beatitudini. Correte, il cielo vuole, è d’accordo. Correte, il cielo vi soccorre. Correte lassù, su quel monte, sul monte Tabor. Sul monte della luce. Sul monte dello spirito. Calma è l’aria. Nessuno ora grida. Tutto tace. C’è l’intervallo all’orchestra. Ora è la musica della luce. Non sono gorgheggi. Non sono virtuosismi. Ecco solo il silenzio punta la strada della libertà. Forza urla l’orchestra della folla. Tu sei fermo. Ti alzi appena dalla tua caduta. Tu procedi stanco sul patibolo dell’ignoto. Stiamo scrivendo una nuova sinfonia della passione, morte e risurrezione. Non vogliamo la passione della morte. Perché salvarci con il sangue? Perché? Perché salvarci con la croce? Perché con il tumore? Non bastano le lacrime che suonano il dolore. Non bastano le note del pianto della terra. Non basta la fermezza dei santi. Non bastano le nostre sinfonie del patire. Vogliamo salire in cielo senza percorrere i sentieri della terra. Urla Dio con il silenzio della croce. Grida l’angoscia. Grida la croce, letto d’amore. Letto di salvezza. Ti alzi ancora. La musica non cade nel sudore del condannato. Paolo Turturro www.dipingilapace.it

Rispondi